lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
HomeAttualitàAVELLINO, DOPO LA VISITA NEL PENITENZIARIO, IL SAPPE DENUNCIA AI VERTICI DEL...

AVELLINO, DOPO LA VISITA NEL PENITENZIARIO, IL SAPPE DENUNCIA AI VERTICI DEL DAP LE INADEMPIENZE DEL CARCERE DI BELLIZZI IRPINO

Entra nel Canale Whatsapp di Avellinozon

Clicca qui per essere sempre aggiornato

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

AVELLINO, DOPO LA VISITA NEL PENITENZIARIO, IL SAPPE DENUNCIA AI VERTICI DEL DAP LE INADEMPIENZE DEL CARCERE DI BELLIZZI IRPINO

Lunedì 11 marzo il Segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Donato CAPECE, accompagnato dai quadri sindacali della Campania, guidati dal segretario regionale Tiziana GUACCI, ha visitato il carcere irpino di Avellino. “Le condizioni della Casa Circondariale di Avellino continuano ad essere allarmanti per sovraffollamento, carenza di organico e difficoltà nella gestione della popolazione detenuta”, denunciano i sindacalisti. “Come da tempo denunciato dal nostro Sindacato, il primo e più rappresentativo della Polizia Penitenziaria”, proseguono, “nell’ultimo periodo sono stati trasferiti (provenienti da altri istituti) un notevole numero di detenuti che ha vertiginosamente fatto crescere la popolazione detenuta a circa 600 detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 507 detenuti. A peggiorare la situazione la presenza di una sezione ex art. 32 fatiscente che comporta gravi ripercussioni sulla sicurezza interna del reparto oltre alla cronica carenza di organico; con riferimento al ruolo degli Ispettori a fronte di una pianta organica che prevede n. 24 unità ad oggi il personale impiegabile è pari a soli 5 uomini e 4 donne. Dalla visita effettuata è emerso che nel penitenziario non ci sono le condizioni per gestire i troppi detenuti; i detenuti circolano liberamente ed il personale di polizia penitenziaria è ormai stanco e sfiduciato”.
“Ciliegina sulla torta”, è l’ennesimo evento critico accaduto nelle ultime ore: “Così nella mattinata di oggi, un detenuto appartenente alla categoria comuni, ristretto al primo piano, è riuscito ad arrivare al cd. IV° cancello. Successivamente approfittando che il collega stava facendo defluire altri detenuti è riuscito a superarlo Qui avrebbe voluto oltrepassare anche l’ulteriore cancello di sbarramento ma il tentativo non è andato a buon fine solo grazie all’intervento dell’agente di polizia penitenziaria che nel fermarlo purtroppo è stato preso a schiaffi e pugni. Successivamente un detenuto ubicato presso la sezione protetti-promiscua è riuscito ad arrivare liberamente davanti all’ufficio del Comandante del Reparto e si è seduto lì davanti in segno di protesta. Oramai da diverso tempo viene denunciata la precaria situazione penitenziaria della Campania, che si caratterizza per atti particolarmente violenti contro i poliziotti penitenziari e dall’assenza di provvedimenti contro chi si rende responsabile di queste inaccettabili violenze”.
“Aggressioni, colluttazioni, ferimenti contro il personale, così come le risse ed i tentati suicidi, sono purtroppo all’ordine del giorno”, conclude Capece, che informerà i vertici del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria sul “mancato auspicato miglioramento delle condizioni di lavoro del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria in servizio presso gli istituti penitenziari della Campania, per larga parte accomunati da gravissime criticità: una importante carenza di personale; il costante verificarsi di eventi critici, nella maggior parte dei casi aggressioni nei confronti di personale; l’introduzione di oggetti e materiali non consentiti (droga, telefonini; etc.); l’assenza di medici e la precarietà di quelli presenti, la maggior ha infatti un contratto a tempo determinato di soli pochi mesi”. Per Capece, “la Polizia Penitenziaria è veramente stanca di subire quotidianamente gratuite violenze per l’incapacità di una Amministrazione che non riesce ad intercedere ai livelli politici competenti, anch’essi sicuramente non esenti da gravi responsabilità”.

continua su Avellino Zon Ad Avellino si inaugura l’Endopank per sensibilizzare la comunità sul tema dell’endometriosi

Segui il Canale WhatsApp Avellino Zon
https://whatsapp.com/channel/0029VaRG86EDTkJy6LhpW30a

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
Marika Cifiello
Marika Cifiellohttp://www.avellinozon.it
Sono Marika Cifiello nata ad Avellino. Giornalista pubblicista, attualmente Caporedattrice per la testata online Avellino Zon e collaboro a richiesta con altre testate presenti sul territorio. Da sempre interessata alla lettura e alla psicologia, sempre attiva ed impegnata nel sociale, volontaria negli anni in varie associazioni, Fare Verde per l'ambiente, Centro Autismo dove seguivo dei ragazzi della provincia avellinese. La passione per il giornalismo d'inchiesta mi ha spinto verso le prime esperienze in una emittente televisiva locale, poi in varie testate giornalistiche locali. Istintivamente attratta dalle notizie di stretta attualità, coniugo la capacità di reperire notizie in prima persona ad una naturale predisposizione e sensibilità che, negli anni, mi ha permesso di vivere attivamente alcuni dei fatti più eclatanti rimasti impressi nel territorio irpino.
Altre Notizie
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Ultimi Articoli