lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
HomeAttualitàPasquetta,Campo Maggiore: lo scempio annunciato

Pasquetta,Campo Maggiore: lo scempio annunciato

Entra nel Canale Whatsapp di Avellinozon

Clicca qui per essere sempre aggiornato

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

C’era da aspettarselo! In occasione della scorsa Pasquetta, complice la calda giornata di sole, la piana di Campo Maggiore è stata letteralmente presa d’assalto, con decine e decine di macchine “parcheggiate” a ridosso dello specchio lacustre. Solita storia, solito “spettacolo” indegno ed indecoroso che puntualmente si verifica in uno dei siti più sensibili ricadenti all’interno del perimetro del Parco Regionale del Partenio (ebbene si: il Partenio è, o meglio, sarebbe un’area protetta). Nel corso della mattinata odierna, il sindaco di Mercogliano, Vittorio D’Alessio, intervistato da alcune emittenti locali, palesemente in imbarazzo, ammette “che si sono verificati, in occasione della Pasquetta, episodi abbastanza gravi, soprattutto in merito alle invasioni, con le auto, di Campo Maggiore”.

Al contempo, lamentando la solita mancanza di personale deputato al controllo del territorio e chiedendo, a tal proposito, il supporto delle associazioni ambientaliste, afferma che il comune provvederà all’installazione di barriere per impedire l’accesso alla piana. Finalmente c’è arrivato anche lui; occorre, senza perdere altro tempo, chiudere gli accessi. Ma dobbiamo realmente dare credito alle sue parole? Oppure si tratterà del solito annuncio per provare a pulirsi la coscienza? Vittorio D’Alessio omette dei particolari importanti; le associazioni ambientaliste hanno, da sempre, provato a fare la loro parte, ricevendo promesse puntualmente disattese e, spesso e volentieri, porte sbattute in faccia. Ci preme rammentare al sindaco di Mercogliano che, nel corso degli anni addietro (segnatamente nel 2022), diverse associazioni operanti sul territorio, hanno provveduto -mediante il ricorso a solleciti via PEC (inviati al comune e all’ente parco), articoli sui quotidiani, speciali mandati in onda su emittenti locali- non solo a denunciare la situazione di degrado che da anni imperversa a Campo Maggiore, ma anche a richiedere, con insistenza, la chiusura degli accesi. Risposte pervenute? Nessuna. Anzi no: qualche proclama, ma nessun fatto concreto. Pertanto, rivolgiamo al sindaco il solito quesito: quanto altro tempo dobbiamo attendere, affinché vi decidiate a prendere, una volta per tutte, provvedimenti per salvaguardare un sito di così elevato pregio? Prima di concludere, riteniamo doveroso rivolgere qualche domanda all’amministrazione dell’ente Parco Regionale del Partenio, anch’essa per nulla esente da colpe. Cosa hanno fatto il presidente  e i suoi collaboratori per tutelare la preziosissima biodiversità che insiste sul pianoro di Campo Maggiore? Come pensano di far rispettare l’ordinanza, emanata il 30-09-2022, in seguito alle continue pressioni dei soliti “ambientalisti cattivoni”, che vieterebbe il transito veicolare sulla piana, ma che tutto ha sortito, tranne l’effettiva salvaguardia di un habitat prioritario? Forse ricorrendo all’installazione, maldestra e sgangherata, di qualche (pseudo)cartello, inchiodato ad un albero? Tra mille dubbi, auspichiamo che questa volta sia quella buona, che ai post sui social e alle interviste seguano i fatti. Altrimenti ci vedremo definitivamente obbligati a rivolgerci all’Autorità Giudiziaria.

Associazioni firmatarie SOS Natura Ambiente è/e Vita.

continua su Avellino Zon AVELLINO, ANCORA CAOS E TENSIONE IN CARCERE. DETENUTI TENTANO DI AGGREDIRE IL CAPPELLANO

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
Marika Cifiello
Marika Cifiellohttp://www.avellinozon.it
Sono Marika Cifiello nata ad Avellino. Giornalista pubblicista, attualmente Caporedattrice per la testata online Avellino Zon e collaboro a richiesta con altre testate presenti sul territorio. Da sempre interessata alla lettura e alla psicologia, sempre attiva ed impegnata nel sociale, volontaria negli anni in varie associazioni, Fare Verde per l'ambiente, Centro Autismo dove seguivo dei ragazzi della provincia avellinese. La passione per il giornalismo d'inchiesta mi ha spinto verso le prime esperienze in una emittente televisiva locale, poi in varie testate giornalistiche locali. Istintivamente attratta dalle notizie di stretta attualità, coniugo la capacità di reperire notizie in prima persona ad una naturale predisposizione e sensibilità che, negli anni, mi ha permesso di vivere attivamente alcuni dei fatti più eclatanti rimasti impressi nel territorio irpino.
Altre Notizie
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Ultimi Articoli