mercoledì 17 Luglio 2024
Google search engine
HomeAttualità"AGIRE L'ANTIFASCISMO A PARTIRE DAL 25 APRILE PER RENDERE LA LIBERAZIONE UN...

“AGIRE L’ANTIFASCISMO A PARTIRE DAL 25 APRILE PER RENDERE LA LIBERAZIONE UN NUOVO INIZIO”: CONVEGNO A GROTTAMINARDA

- Advertisment -spot_img

Entra nel Canale Whatsapp di Avellinozon

Clicca qui per essere sempre aggiornato

- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

In occasione del 79° Anniversario della Liberazione l’Amministrazione comunale di Grottaminarda organizza il convegno: “Agire l’antifascismo a partire dal 25 aprile per rendere la Liberazione un nuovo inizio” con la presentazione del libro del Professor Annibale Cogliano: “Lo Squadrismo Irpino e il caso Battista-Buttazzi”.

Appuntamento alle ore 10:00 di giovedì 25 aprile nella Sala Consiliare Sandro Pertini di Grottaminarda.

Previsti i saluti del Sindaco, Marcantonio Spera, della Presidente del Consiglio Comunale, Virginia Pascucci e dell’Assessora alla Cultura e agli Eventi, Marilisa Grillo.
Interverranno Gioele Lepore, Vicepresidente del Forum dei Giovani di Grottaminarda, Mimmo Limongiello, Presidente provinciale AUSER e Vicepresidente ANPI e naturalmente l’autore, Annibale Cogliano, Storico e Scrittore. Modererà l’incontro la Giornalista Monica De Benedetto.

« Ci è sembrato opportuno sottolineare una data importante come quella del 25 aprile – afferma l’Assessora alla Cultura, Marilisa Grillo – attraverso il libro del professore di Storia e Filosofia, Annibale Cogliano, che racconta una pagina dolorosa della nostra storia locale e che rende bene l’idea della prepotenza e della violenza gratuita dei fascisti; delle becere intimidazioni e profonde ingiustizie vissute da chi si dissociava da quel modo di fare e di pensare in particolare da chi difendeva operai e contadini.

Non a caso abbiamo voluto la presenza dei ragazzi del Forum dei Giovani, per far sì che le nuove generazioni diano il giusto valore e significato alla Festa della Liberazione. Allo stesso modo invitiamo la cittadinanza a partecipare».

Il volume “Lo squadrismo irpino e il caso Battista Buttazzi” fa una ricostruzione attenta di un episodio accaduto ad Avellino il 21 maggio del 1923 quando i fascisti misero a ferro e fuoco il capoluogo. Gli squadristi capeggiati da Tommaso Labia, studente della Scuola Enologica, provocarono Ciro Zeccardi e Lazzaro Battista e li aggredirono; Zeccardi venne accompagnato in questura, Battista annunciò di voler querelare gli aggressori. Poi la tragedia: Zeccardi si presentò in questura annunciando la morte di Buttazzi, colpito, a suo dire da tre colpi di rivoltella sparati da Lazzaro. Da li cominciò l’aggressione degli squadristi che chiesero la chiusura dei negozi per lutto, incendiarono suppellettili fino a giungere al Circolo dei ferrovieri. In tutto furono cinque le vittime di queste azioni violente.

Cogliano racconta anche altri episodi attraverso i quali distingue le diverse tipologie di squadrismo ma soprattutto analizza lo squadrismo irpino e del Meridione, molto diverso da quello del nord.

https://comune.grottaminarda.av.it/it/news/79-anniversario-della-liberazione-convegno-e-presentazione-libro-di-cogliano?type=1

continua su Avellino Zon Raid all’autostazione di Avellino, beccati dalle telecamere

- Advertisment -spot_img
Marika Cifiello
Marika Cifiellohttp://www.avellinozon.it
Sono Marika Cifiello nata ad Avellino. Giornalista pubblicista, attualmente Caporedattrice per la testata online Avellino Zon e collaboro a richiesta con altre testate presenti sul territorio. Da sempre interessata alla lettura e alla psicologia, sempre attiva ed impegnata nel sociale, volontaria negli anni in varie associazioni, Fare Verde per l'ambiente, Centro Autismo dove seguivo dei ragazzi della provincia avellinese. La passione per il giornalismo d'inchiesta mi ha spinto verso le prime esperienze in una emittente televisiva locale, poi in varie testate giornalistiche locali. Istintivamente attratta dalle notizie di stretta attualità, coniugo la capacità di reperire notizie in prima persona ad una naturale predisposizione e sensibilità che, negli anni, mi ha permesso di vivere attivamente alcuni dei fatti più eclatanti rimasti impressi nel territorio irpino.
Altre Notizie
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

Ultimi Articoli